Archivio Autore

Abuso del Diritto

La regola non scritta che emerge chiaramente dai principi generali del nostro ordinamento e da singole normative è che non si possono utilizzare gli strumenti giuridici leciti offerti dall’ordinamento per una causa diversa da quella per la quale lo strumento era stato concepito qualora ciò consenta di ottenere vantaggi che l’ordinamento non intendeva offrire o addirittura vietare.

Leggi Tutto

IL RUOLO DEL NOTAIO NEL PROCEDIMENTO DI MEDIAZIONE AI SENSI DEL D. LGS. N. 28 DEL 4 MARZO 2010

Il D. Lgs 28/2010 ha introdotto, allo scopo dichiarato di ridurre la mole di procedimenti a carico dei Tribunali, un obbligatorio tentativo di mediazione, da esperirsi nelle ipotesi individuate all’art. 5 e finalizzato alla risoluzione delle controversie in una fase prodromica a quella giurisdizionale.

Le parti pertanto, prima di comparire avanti al Giudice, sono tenute ad effettuare un tentativo di conciliazione, supportate dall’intervento di un mediatore.

Quest’ultimo ben può essere un notaio.

Nell’ipotesi in cui il Notaio sia chiamato a ricoprire il ruolo di mediatore, non dispone degli ordinari poteri che gli competono quale pubblico ufficiale, ma deve limitarsi a svolgere la funzione di mediatore. Ciò significa che dovrà aiutare le parti a raggiungere un accordo e dovrà redigere il verbale del procedimento sia in caso di esito positivo, sia in caso di esito negativo.

Leggi Tutto

COS’È UNA START UP INNOVATIVA?

Una società di capitali o cooperativa di nuova costituzione già esistente da almeno 4 mesi può acquisire la qualifica di start up innovativa. Essa deve essere  finalizzata ad incentivare lo sviluppo, la produzione e commercializzazione di agevolazioni per la fase costitutiva;
  • Può avere delle agevolazioni per la gestione dell’impresa;
  • Può beneficiare di deroghe alle norme in materia di riduzione per perdite;

Leggi Tutto

LE 10 COSE DA SAPERE SUL RENT TO BUY

È una nuova tipologia di contratto in cui si fondono un contratto di locazione e un preliminare di vendita di un immobile.
In pratica il proprietario mette a disposizione l’immobile al conduttore (futuro acquirente), che paga il canone; dopo un periodo stabilito il conduttore può decidere se acquistare il bene, detraendo dal prezzo una percentuale stabilita dei canoni pagati.

Leggi Tutto